Candele profumate

Artigianali o di produzione industriale, le candele sono realizzate con una miscela estratta dal petrolio. Le candele sono tornate alla ribalta da un po’ di tempo a questa parte, come elemento decorativo di ambienti che vogliono ricreare atmosfere rilassanti. Il mercato è in grado di rispondere in maniera efficace alle numerose richieste dei clienti, con un’ampia scelta di candele profumate online e nelle catene di componenti d’arredo, come Ikea.

I più creativi possono scegliere di preparare le proprie candele profumate direttamente a casa. I materiali di realizzazione sono economici e facilmente reperibili, con qualche aiuto anche per chi è alle prime armi. Come abbiamo detto, le candele sono realizzate con la paraffina. In corso di produzione, non è raro che la miscela venga trattata con qualche goccia di stearina, che ne migliora la resa e la durata nel tempo.

Gli ingredienti di cui dobbiamo dotarsi sono quindi paraffina e stearina. Per i principianti, sono reperibili delle miscele di paraffina e stearina, in modo da facilitare il processo di realizzazione. Per gli amanti dell’ambiente, la produzione di candele profumate offre delle valide alternative green che consentono di creare candele “ecosostenibili”.

Oltre alla cera d’api, molto apprezzata la palma e la soia, che bruciano correttamente in maniera lenta. In particolare, la cera d’api in fogli è impiegata nel recupero di vecchie candele, che potranno essere riutilizzate. La scelta dello stoppino riveste un’importanza fondamentale. Molto saggio recuperare quelli delle vecchie candele. Se invece dobbiamo acquistarne di nuovi, meglio ripiegare sugli stoppini cerati con contrappeso in alluminio.

Spazio alla fantasia nella scelta dei contenitori, che devono essere di vetro o plastica resistente alle alte temperature. A questo punto, non dobbiamo fare altro che riempire il contenitore prescelto con la cera, che sciogliamo a bagnomaria in un pentolino riempito d’acqua per metà. Possiamo donare una sfumatura cromatica particolare con l’aggiunta di un pastello a cera, o profumare la miscela con qualche goccia di olio essenziale della fragranza che preferiamo. Prima di versare la candela nello stampo, ungiamo con poco olio da cucina e inseriamo lo stoppino. Nel caso in cui la candela debba essere estratta dal contenitore, inseriamo lo stoppino al rovescio, bloccando l’estremità con un nodino. Lasciamo raffreddare, togliamo dal contenitore e puliamo con una calza di nylon.