crampi-alle-gambe

I crampi alle gambe sono delle contrazioni molto violente dei muscoli principalmente del polpaccio. Le zone interessate a questi spasmi, oltre al polpaccio, abbiamo le cosce e i piedi. Molte volte i crampi arrivano in piena notte facendo sobbalzare la persona dal sonno per i dolori lancinanti che provocano.

Questi crampi alle gambe sono una routine quasi normale nelle persone anziane, nelle donne in gravidanza ( terzo trimestre) e chi presenta i piedi piatti. Anche gli sportivi soffrono spesso di tali crampi, specialmente in chi effettua sport in cui le gambe sono sottoposte a scatti come i calciatori o i maratoneti.

La maggior parte delle volte, i crampi sono i sintomi di una disidratazione o di un affaticamento, niente di cui preoccuparsi. Ma se si presentano in determinati momenti come quando saliamo le scale o si cammina a passo normale , vuol dire che c’è qualcosa di più importante dietro come la Claudicatio Intermittens o la trombosi arteriosa.

La trombosi arteriosa è una malattia da non sottovalutare perchè può essere fatale, per via dei coaguli che si formano nelle vene, che se non sciolti in tempo possono arrivare prima al cuore e poi ai polmoni provocando l’embolia polmonare. Anche chi soffre di diabete, morbo di Parkinson, anemia, diarrea, alcolismo o chi usa diuretici e contraccettivi orali ( o terapie sostitutive agli ormoni) possono presentare crampi notturni di frequente.

Lo squilibrio di elettroliti dovuti a forti sudorazioni è una delle possibili cause. Infatti la mancanza di Sali minerali come Magnesio, Potassio, Sodio, Calcio, Zolfo e Cloro causano instabilità nelle cellule che si contraggono e provocano dolore. Semplici abitudini come quella di accavallare le gambe, specialmente nelle donne, e la postura del corpo quando si indossano tacchi alti possono essere una delle cause senza “fondamento” delle quali non bisogna preoccuparsi.