gravidanza

Anche le donne in gravidanza, così come le restanti donne hanno il rischio di ammalarsi tramite infezioni batteriche e virali. L’unica differenza è per le infezioni batteriche alle vie urinarie le quali, per via della gravidanza, si presentano molto più spesso del normale.

Il corpo durante il periodo di gestazione porta ad un immunodepressione focalizzata a non riconoscere il feto come agente patogeno ed estraneo, ma questo non comporta una maggiore predisposizione alle infezioni. L’infezione può arrivare al feto attraverso la placenta o infettare il bambino nel canale vaginale durante il parto, con conseguenze molto gravi come l’aborto spontaneo oppure infezioni neonatali. I primi tre mesi della gestazione sono i più vulnerabili perché il corpo della madre è concentrato sul bambino. Per questo motivo è importante, se non strettamente necessario, evitare di assumere qualsiasi farmaco se non davvero importante. Se proprio, invece, non ne potete fare a meno, ecco qualche consiglio su come sia possibile assumere l’augmentin in gravidanza e cosa comporta.

Le infezioni di origine batterica più conosciute in gravidanza sono date da quattro tipo di batteri: Listeria Monocytogenes, Streptococcus Aggalactiae, Chlamydua Trachomatis e Treoponema Pallidum. La Listeria è un batterio presente nel terreno, può essere introdotto tramite l’ingestione di alcuni alimenti come verdure crude, latte e derivati non trattati termicamente, pollame e carni. Questo batterio provoca la listeriosi, malattia che presenta sintomi di tipo influenzale, causando l’aborto spontaneo. Se il bambino contrae il batterio durante il parto il nascituro presenterà la meningite.

Lo Streptococcus è un batterio normalmente presente nel canale vaginale e nell’intestino ed è del tutto innocuo. Il problema si pone durante il parto dove, il bambino passando per il canale vaginale, può essere contaminato e presentare in seguito meningite o polmonite. La Chlamydia è una batterio trasmesso sessualmente, durante la gravidanza se contratta causa parto prematuro e congiuntivite o polmonite nel bambino. Il Treponema o meglio conosciuto come batterio che causa la sifilide provoca: morte del feto nell’utero, morte alla nascita e i bambini che riescono a sopravvivere al parto riscontrano alterazione negli organi.