L’alitosi è possibile prevenirla tramite degli atteggiamenti che possiamo modificare nel corso della giornata. Come al solito una corretta ed equilibrata alimentazione aiuta grazie alla varietà di nutrimenti che assumiamo e alle loro proprietà intrinseche.

Ovviamente evitiamo gli alimenti che sappiamo hanno un odoro molto forte e pungente come cavolo, aglio, cipolla, verza e tutti quei cibi molto grassi come formaggi o ricchi di aminoacidi solforati, i quali per natura presentano zolfo nella struttura, che come sappiamo non ha un odore tra i più piacevoli. È implicito mettere da parte il tabacco e il caffè. Mangiamo molta frutta e verdura che grazie alle grosse quantità d’acqua promuovono la salivazione. Per il motivo opposto limitiamo l’uso degli alcolici, in quanto l’alcol si lega alle molecole d’acqua e provoca disidratazione.

La dieta mediterranea è la più indicata perché mangiando 5 volte al giorno limitiamo i lunghi intervalli tra i pasti. Le gomme e le caramelle aiutano molto alla produzione della saliva, ma preferiamole senza zuccheri e magari con xilitolo, utile per i denti. Di fondamentale importanza è la corretta igiene orale, scegliamo uno spazzolino adatto alla nostra bocca, non usatene uno con setole dure se avete le gengive delicate, peggiorereste la situazione. Oggi in commercio la scelta è molto vasta, così anche per il dentifricio, se avete dubbi potete chiedere al vostro dentista indicazioni precise su che modello fa per voi.

L’uso del collutorio anche gioca il suo ruolo, essi riducono o eliminano temporaneamente l’alitosi. Quelli che contengono Clorexidina e Cetilpiridinoclururo abbassano la carica batterica e sono particolarmente indicati per chi soffre di parodontite. In commercio negli ultimi tempi sono stati sponsorizzati molti rimedi sotto forma di collutori i quali promettono di andare all’origine del problema andando ad eliminare i batteri che proliferano nel cavo orale.